Vilnius, una meta insolita che vi conquisterà

  • Shares

Luogo fuori dalle solite rotte turistiche ma di eguale attrattiva. Vilnius è una città che riserva sorprese positive grazie alla sua atmosfera accogliente ed elegante. Lasciate perdere gli stereotipi e fatevi condurre tra la sua storia e i suoi diversi stili artistici e architettonici.

Centro storico di Vilnius

Piazza della cattedrale

La zona più antica di Vilnius dominata da una vasta piazza rettangolare. Cuore della città sul quale si trova la cattedrale in stile neoclassico costruita alla fine del 1700. Il suo interno merita una visita grazie alle navate decorate in modo elegante e sfarzoso. Ai lati dell’edificio, invece si trova un imponente campanile e il monumento dedicato al fondatore di Vilnius Gendiminas.

Colle e castello di Gediminas

Un altro simbolo di Vilnius, costruito nel XIV secolo, venne successivamente distrutto. In seguito ricostruito con elementi in stile barocco e gotico. Finita la seconda guerra mondiale, è rimasta solamente la torre che oggi contiene un museo. Salite in cima e non perdetevi il bel panorama della città, del fiume Neris e la scritta romantica in lituano “aš tave myliu ” (Ti Amo in lingua lituana)

Museo Nazionale della Lituania

Situato ai piedi del colle di Gediminas, è uno dei più importanti musei di Vilnius. Contiene una vasta quantità di materiale riguardante la cultura e la storia del paese. Una nazione raccontata dai periodi migliori dell’indipendenza fino ad alcune delle testimonianze sulle deportazioni. L’architettura dell’edificio è un autentico incrocio tra diverse epoche e stili tipici della città di Vilnius.

Chiesa di Sant’Anna e Bernardino

Migliore esempio di facciata in stile gotico della Lituania costruita a fine del 1500 con 33 tipologie diverse di mattoni. Il suo campanile è in stile neogotico e risale intorno al 1800 mentre l’interno restaurato in barocco conserva alcuni dipinti del periodo gotico.

Piazza del municipio

Qui si affaccia il palazzo omonimo in stile gotico e, distrutto e successivamente ricostruito diverse volte. Dalla fine del 1700 al giorno d’oggi presenta un’architettura neoclassica. Nella facciata del municipio trovate l’insegna che indica il riconoscimento del centro di Vilnius come patrimonio Unesco.

Piazza Daukantas e il Palazzo Presidenziale

La piazza prende il nome da colui che fece pubblicare per la prima volta la storia della nazione in lingua lituana. L’edifico principale è senza dubbio la residenza del presidente. Un palazzo costruito nel XIV secolo e restaurato in stile classico. Ogni giorno alle 18 potete assistere al cambio della guardia e domenica alle 12 si svolge la cerimonia della bandiera nazionale. Quest’ultima dura circa cinque minuti. In questo lasso di tempo alcune guardie in uniforme ufficiali e altre in stile medievale ritirano e risollevano la bandiera nazionale e quella dell’Unione europea.

KGB e il museo del genocidio del popolo lituano

Situata a poca distanza dalla cattedrale nella strada Gedimino Prospektas, per circa cinquanta anni questo edificio è stato sede del Kgb e carcere. Nel 1992 è diventato museo per testimoniare le torture e i massacri del popolo lituano da esponenti dell’esercito sovietico. Un must per gli appassionati di storia.

Parco Kalnu e colle delle tre croci bianche

Il parco collinare vicino al centro storico dominato dal imponente monumento delle tre croci. Secondo la leggenda in questo luogo vennero decapitati 14 frati francescani che erano venuti per predicare il Vangelo. La passeggiata viene premiata con un altro suggestivo panorama grazie ai punti d’osservazione che si affacciano sul centro storico e sul fiume.

La utopica repubblica di Užupis

Dirigetevi nella sponda destra del fiume Vilnia attraversano il ponte. In questo luogo molte coppie hanno lasciato il proprio lucchetto. Visitate Užupio Kavinė il bar parlamento con la bandiera della repubblica all’entrata.  Successivamente camminate nella strada Paupio gatvę  per vedere “la costituzione” tradotta in diverse lingue inclusa quella italiana. Un insieme di targhe in vetro lungo il muro nelle quali vengono riportati i comportamenti da seguire e rispettare. Un quartiere-stato tra strade decorate, gallerie d’arte, statue e persino un cimitero con lapidi e sculture in granito. Un’autentica area dedicata all’anticonformismo e gli artisti.

A Vilnius si trova una statua dedicata al celebre musicista Frank Zappa deceduto a Los Angeles nel 1993 una visita degna per gli amanti di musica.

 

Cosa mangiare

Visitando la Lituania mangiate Zeppelin. Ravioli di grandi dimensioni a base di patate riempiti con carne di maiale, panna e una salsa di pancetta. Meno sostanziosa ma altrettanto buona la Burokėlių Sriuba. Una zuppa calda di barbabietole con cipolle, carote, sedano e carne bovina o suina. Lo stesso vale per la Saltibarsciai, una zuppa fredda di barbabietole con uova e patate bollite. Gli amanti dei dolci dovrebbero provare Grybukai biscotti a forma di fungo con arricchito con cannelle e spezie.

Muoversi per la città

L’aeroporto, la stazione dei treni e bus sono ben collegate con il resto della città. Il centro storico si percorre tutto facilmente camminando. Comprando la Vilnius city card avrete un unico ticket per entrare nei musei, usufruire dei trasporti, partecipare ad alcuni tour guidati.

Trakai è facilmente raggiungibile con il servizio giornaliero di bus e treni. Negli appositi siti trovate maggiori informazioni. La versione italiana non è disponibile ma solo in inglese, lituano e altre lingue europee.

Nei dintorni di Vilnius

Trakai

A meno di 30 km da Vilnius suggerisco di visitare la cittadina di Trakai. I suoi paesaggi pittoreschi tra colline, foreste e laghi rendono la visita di questo luogo un must. Una destinazione molto visitata da lituani e stranieri.

Il castello sull’isola

L’unico in tutta l’Europa dell’est circondato dalle acque. Costruito intorno il 1300 divenne residenza del Granduca Vytautas. In seguito alla sua morte, il castello cominciò a deteriorarsi, e con il tempo, divenne una prigione. Successivamente ristrutturato, oggi è un edificio con cinta muraria che contiene un museo storico e un’esposizione di armi medievali. Dalle mure del castello non perdetevi il bellissimo panorama sul lago.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *