Verona, piccola fuga romantica

  • Shares

Così si apre una delle più note opere di William Shakespeare, Romeo e Giulietta ambientata a Verona. E ha ragione! Questa città del Veneto ben si presta a fare da scenario a una storia d’amore, con i suoi parchi e le sue vie suggestive, i ristorantini intimi e, ovviamente, il retroscena shakespeariano. Tutto questo la rende perfetta per un weekend romantico con la propria dolce metà.

Piazza Bra, aperitivo all’ombra dell’Arena

Piazza Bra è, quasi logicamente, il punto di partenza per visitare Verona. Un tempo fuori dalle mura, oggi è diventata il centro turistico della città, soprattutto grazie alla sua millenaria Arena che le fa ombra.

La piazza ospita edifici di epoche ed architetture diverse, ma il suo lato più vivo e italiano è quello dove c’è il Liston, un ampio marciapiede su cui si affacciano ricchi palazzi nobiliari con bar e ristoranti. Proprio qui, al civico 12, si trova il “salotto di Verona”, il Liston 12. Quasi esattamente di fronte all’Arena, è uno dei posti preferiti dai Veronesi e propone un menù ricco a prezzi contenuti. Sicuramente un luogo suggestivo in cui riposarsi dopo una visita all’Arena, magari con uno Spritz tra le mani.

L’Arena merita decisamente una visita, essendo il monumento più famoso di Verona. Costruita in epoca romana è l’anfiteatro romano conservato meglio, probabilmente grazie ai continui restauri. Visitabile dal lunedì (con orario ridotto) alla domenica, dalle 8.30 alle 19.30. Prezzo del biglietto intero 10,00 euro, ma la prima domenica del mese si può accedere al sito con solo 1,00 euro!

La Verona di Romeo e Giulietta

Una delle attrattive maggiori della città, soprattutto fra gli innamorati, è senza ombra di dubbio il famoso balcone di Giulietta. Entrando da una piccola galleria, tappezzata di bigliettini e messaggi d’amore, si accede a un cortiletto interno molto suggestivo. Alzando lo sguardo si può vedere il balcone da cui l’eroina sospirava per il suo Romeo e, sulla sinistra, la sua statua. Tradizione vuole che toccare il seno della statua porti fortuna in amore, tentar non nuoce!

Altra tappa del percorso shakespeariano è la Tomba di Giulietta, situata  nei giardini che ospitano il Museo degli affreschi, in una cripta sotterranea. Il sarcofago scoperchiato è in marmo rosso. E’ una tomba semplice e priva di stemmi perché nel medioevo non veniva concessa la sepoltura ecclesiastica ai morti suicidi. Già che ci si trova qui, si può dare uno sguardo al Museo degli Affreschi, che ospita affreschi realizzati tra il X ed il XVI secolo, sculture e quadri di artisti del rinascimento.

Verona Romeo e Giulietta

Cena a casa Montecchi e degustazione di vini

Restando in compagnia di Shakespeare, la cena ce la offrirà la famiglia Montecchi. Nella casa che, secondo la tradizione, ha dato i natali al famoso Romeo, si trova l’Osteria Al Duca. Occupa i primi due piani della casa, risalente al XIII secolo e appartenuta alla nobile famiglia dei Montecchi. Già da molti secoli è stata adibita a locanda, cosa che la rende la più antica osteria della città. Il locale è estremamente accogliente e a gestione famigliare, con un’atmosfera rustica fatta di travi in legno e tovaglie a quadretti. Piatti tradizionali come  pasta e fasoi, polenta con funghi e soppressa, lumache trifolate e semifreddo di Giulietta sono i punti forti del locale.

Un altro posto dove fermarsi a mangiare è la famosa Bottega del Vino. Centralissimo locale, in una traversa di via Mazzini, spesso premiato come miglior cantina del Veneto e d’Italia. Dalla sua cucina escono i piatti più tipici della tradizione culinaria veronese. L’antipasto con gorgonzola, lardo, salumi e polenta, il risotto all’amarone, le lasagnette coi fegatini, il baccalà alla vicentina con polenta morbida. Ma la Bottega è anche e sopratutto Vino. Nella sua carta sono presenti oltre 3000 etichette, che rappresentano il meglio della produzione veronese, italiana e mondiale. La Bottega del Vino non è solo un ristorante. E’ anche luogo dove trovarsi con gli amici per un aperitivo, provando al banco la buonissima cicchetteria, o per acquistare una bottiglia importante.

Il Giardino dei Giusti e la Verona romana

Il Giardino dei Giusti è un’oasi di verde che incanta e in cui perdersi tra fiori, fontane, grotte, statue mitologiche, labirinti di siepi e un viale di cipressi. Un percorso che culmina con una terrazza da cui si gode di una splendida vista sulla città.

A due passi dal suggestivo Giardino troviamo i resti del Teatro Romano. Il sito offre uno spettacolo incantevole, con pezzi di muraglioni a vista e terrazze insinuate nel verde della collina. Recuperato nell’ottocento, ospita in estate una rassegna con spettacoli teatrali, balletti e concerti jazz. Si può visitare pagando un biglietto insieme al Museo Archeologico, in cui sono esposti vasi, mosaici, sculture, gioielli, iscrizioni sacre e sepolcrali di epoca romana.

Nella stessa zona si trovano inoltre Piazza Erbe, antico foro romano, e il Ponte Pietra, magnifica costruzione risalente al I sec. a.c molto affascinante per la sua mescolanza di materiali e stili diversi, in perfetta armonia. Piazza Erbe invece vanta una lunga tradizione come sede del potere cittadino. Prima foro romano, poi piazza signorile, centro commerciale della città piena di botteghe e mercati. Circondata interamente da palazzi del potere come il Palazzo della Ragione, sovrastato dalla Torre dei Lamberti, la Domus Mercatorum e il Palazzo Maffei.

Quando e come andare

Il periodo migliore per visitare Verona è sicuramente l’estate. Oltre al clima piacevole offerto dalle colline che la circondano, è in estate che la città ha più cose da offrire. La stagione dell’opera all’Arena occupa proprio i mesi da giugno a settembre. Stagione teatrale anche per il Teatro Romano, che spesso ospita le opere di Shakespeare, e per il Teatro Filarmonico.

La città è facilmente raggiungibile in auto da ogni parte d’Italia, ma essendo il centro storico una Zona a Traffico limitato, per visitarla conviene far uso del servizio autobus o del bike sharing (abbonamento settimanale 5,00 euro). In alternativa si può raggiungere in treno (la stazione più vicina al centro è Porta Nuova), in autobus o in aereo.

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *