Tokyo, guida alla capitale della modernità

  • Shares

Secondo Jean Cocteau, “Tokyo la distrutta e la ricostruita è una piovra dagli elastici tentacoli”. La definizione ben corrisponde a questa metropoli in continua espansione, culla di nuove tendenze e punto di intersezione con la millenaria civiltà giapponese.

Città di contrasti e armonie, Tokyo affascina i suoi visitatori con un ventaglio di attrazioni in continuo rinnovamento, con una cucina eclettica ed esotica e con uno stile di vita unico al mondo. Tra templi, quartieri dello shopping, sushi e musei d’eccezione ecco cosa non perdere nella città più celebre del Sol Levante.

Il Palazzo Imperiale di Tokyo, fusione tra antico e moderno

La residenza dell’Imperatore, diretto discendente della dea solare Amaterasu, è un luogo speciale per la fascinosa commistione tra edilizia tradizionale e strutture moderne. Passeggiando lungo il fossato troverete infatti, riflessi nell’opaco specchio d’acqua, le sagome dei tanti grattacieli che lambiscono l’elegante parco. Se sollevate lo sguardo, tuttavia, ecco i tetti spioventi e i sobri volumi delle più classiche fortificazioni giapponesi. Il contrasto, sempre molto efficace, è reso ancor più vivido durante l’hanami, ossia la romantica fioritura dei ciliegi.

Ricordate infine che se volete visitare i giardini interni occorre una prenotazione on-line, mentre il settore orientale degli stessi è reso accessibile tutto l’anno.

palazzo imperiale tokyo
Foto di Caterina Mascolo

Tsukiji, il mercato del pesce più famoso del mondo

Icona della capitale giapponese, luogo simbolo del pesce fresco e del consumo del sushi, Tsukiji è una festa di colori e sapori tradizionali assolutamente imperdibile.

Questo mercato ittico, il più grande esistente, è suddiviso in due aree principali: nella prima, dedicata ai grossisti (jonai shijo), si svolge la celebre asta dei tonni, mentre nella seconda (jogai shijo) il pesce viene porzionato, lavorato, essiccato e venduto al dettaglio. Presentatevi all’apertura dei cancelli per i visitatori, attorno alle dieci di mattina, per visitare questo frenetico santuario del mare.

Tra banchi con crostacei giganteschi, pesci ancora vivi che sguazzano in ampie bacinelle e i caratteristici carrelli gialli, dove gli operatori sfrecciano velocissimi, potrete ammirare uno spaccato della vita commerciale giapponese tra i più autentici e ricercati. Tra le tante attività visibili, osservate la maestria con cui vengono sfilettati i tonni, un’esperienza unica da proseguire nei tanti ristorantini che si affacciano sullo Tsukiji, dove si stima si possa mangiare il sushi più buono al mondo. Non dimenticate di assaggiare qualche specialità a base di tonno, protagonista indiscusso di questo caotico e intrigante mercato. Come consiglio, infine, ricordate di indossare per la visita scarpe comode e soprattutto non aperte: il pavimento è infatti piuttosto scivoloso e non sono rari gli schizzi. Meglio optare per le scarpe da ginnastica!

sushi a tokyo
Foto di Caterina Mascolo

Il celebre incrocio di Shibuya

Questo vivacissimo quartiere è caratterizzato dalla presenza dell’incrocio pedonale più trafficato del mondo, dove miliardi di persone si intersecano per smistarsi al ritmo degli accecanti semafori. Per gustare al meglio questo spettacolo unico nel suo genere, optate per una visita serale (le luci rendono infatti l’atmosfera ancora più surreale e caleidoscopica) e salite al primo piano dello Starbucks di Shibuya. Qui infatti, con una prospettiva aerea, avrete una visuale perfetta di questo incrocio pazzesco!

incrocio più affollato Tokyo
Foto di Caterina Mascolo

Prima di lasciare Shibuya non dimenticate sia di fare un giro nel centro commerciale Shibuya 109, vetrina del trash ma anche indicatore delle nuove tendenze, sia di scattare una foto alla statua del fedelissimo Hachiko. Dopo la morte del suo padrone, infatti, questo cane continuò a recarsi proprio qui, per attenderlo, nei successivi undici anni. Una storia commuovente immortalata da questa evocativa scultura, vero e proprio simbolo dell’affollatissimo incrocio.

La spiritualità del santuario Meiji e del Senso-ji

All’interno di un gigantesco parco, con tantissime specie differenti, si colloca il più maestoso santuario shintoista di Tokyo. Da notare i maestosi torii di accesso in cipresso, ossia le porte dalla caratteristica struttura rettangolare. Mentre accedete all’area templare, non dimenticate di fotografare l’eccezionale allestimento di kazaridaru, ossia una serie di coloratissime botti di legno per saké impilate a formare una serie di colonne davvero imponente. Una curiosità: esattamente di fronte ai caratteristici recipienti per il saké si trova una serie di botti di vino francese, donate dai produttori della Borgogna in segno di amicizia tra la Francia e il Giappone.

botti sake tokyo
Foto di Caterina Mascolo

Un altro nodo cruciale per la religiosità giapponese è dato dal Senso-ji, una maestosa struttura alla quale si accede attraverso la Porta del Tuono. Una volta entrati, è piacevole smarrirsi tra i molteplici banchi con esposta ogni sorta di mercanzia. I più superstiziosi potranno acquistare uno dei tanti amuleti, efficaci sia per propiziare la salute che per proteggere l’amore o la famiglia.

Prima di lasciare questo brulicante luogo, scattate almeno una foto alla splendida pagoda a cinque piani posta alla sinistra del complesso!

Tanta arte al Museo Nazionale di Tokyo

La fermata metro di Ueno, oltre a un magnifico parco con piante gigantesche, vi offre una grande sintesi di arte giapponese nel raffinato Museo Nazionale. Tra kimono sontuosi, eleganti ceramiche, ventagli dipinti, stampe dei grandi maestri come Hiroshige e maschere teatrali, ogni spettatore è avvolto dall’immenso fascino dell’arte prodotta da questa intrigante civiltà.

Tra i settori più interessanti, oltre a quello dedicato alle splendide sculture di Buddha, figura quello espositivo dei preziosi paravento calligraficamente iscritti. Un recente allestimento anima questi fragili oggetti di arredamento, donando vita agli alberi e agli uccelli qui dipinti, in un ammaliante gioco illusionistico potenziato da un effetto sonoro di estrema suggestione.

Le luci di Shinjuku

Tra maxischermi e grattacieli, Shinjuku abbaglia i visitatori con le sue molteplici luci intermittenti, le pubblicità galattiche e i tanti locali eccentrici. Passeggiare tra le sue vie è una festa di colori per gli occhi, in un vortice di centri commerciali e ristoranti capace di stordire chiunque.

Nonostante non sia ben segnalata, è immancabile un’ascesa alla terrazza panoramica del Tokyo Metropolitan Government Office: il panorama godibile è non solo indimenticabile, ma anche assolutamente gratuito!

Shinjuku
Foto di Caterina Mascolo

Shopping a Ginza (e non solo)

Il quartiere più noto per le celebri boutique di lusso pullula di marchi illustri e grandi firme come Dior, Gucci, Cartier, Chanel e Tiffany. È evidente come questi negozi siano fuori budget per la gran maggioranza dei visitatori, ma aggirarsi tra questi negozi è un’esperienza affascinante per ammirare l’architettura dei negozi, spesso ispirata alle linee guida del brand che ospita.

In questa zona è poi ospitata la celebre sede del teatro kabuki, una delle forme tradizionali di spettacolo giapponesi più apprezzate. Assistere a una rappresentazione è davvero emozionante, specie per le incredibili e realistiche scenografie e per i costumi davvero scenografici. Come consiglio, optate per il biglietto che prevede di assistere a un solo atto (circa 45 minuti): il prezzo del biglietto è infatti più ridotto e lo spettacolo, ovviamente in lingua giapponese, è più digeribile rispetto ad esibizioni più lunghe.

teatro kabuki tokyo
Foto di Caterina Mascolo

Souvenir a Takeshita Street

Accedete a questa strada cult dalla coloratissima insegna ad arcobaleno, vero portale di ingresso a un regno di negozietti economici dove comprare occhiali glitterati, portachiavi pelosi e zainetti fluorescenti. Non potrete non notare le appariscenti Harajuku girl, ossia le adolescenti vestite con eccentriche parrucche, coroncine, divise scolastiche e altri accessori vistosi.

takeshita street
Foto di Caterina Mascolo

Nelle vicinanze: gita a Yokohama

La bella zona portuale di Yokohama è una valida attrattiva per soggiornare in questa popolosa cittadina. Riflessa sull’oceano Pacifico, la baia offre – specie con le luci serali – scorci da cartolina e panorami eccezionali.

Foto di copertina Visualhunt

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *