Pakistan, culla del mondo

  • Shares

Il Pakistan è la madrepatria di tutto il mondo. Detto così sembra drastico, ma se pensate che proprio qui si sono formate e sviluppate le razze preistoriche che hanno dato vita agli indo-greci che poi hanno popolato l’Europa e il Nord Africa … è vero, siamo tutti figli del Pakistan.

Ma quando si parla di Pakistan bisogna stare attenti a distinguerlo da quella regione – il Kashmere – che pur essendo parte del Paese è contesa dalla vicina India in una guerra logorante lunga ormai decenni. La Repubblica Islamica del Pakistan ufficiale è quella che sorge a nord-ovest di questa regione e che riconosce come capitale Islamabad.

Cosa vedere in Pakistan

Il Pakistan si estende tra India, Iran e Afghanistan ed è un territorio molto montuoso, attraversato dalla parte meridionale della catena dell’Himalaya. Nella regione del Kashmere sorge una delle cime più alte del mondo, il K2. I paesaggi variano notevolmente dalle verdi montagne, gelide in inverno, alle pianure urbanizzate fino ai confini con il deserto.

Da vedere in Pakistan: la bellissima Lahore, antica capitale ricca di palazzi spettacolari e di moschee; la modernissima capitale Islamabad, con pochi monumenti storici ma moltissimi musei e diverse architetture futuristiche interessanti; la città reale di Rawalpindi; la qasbah di Peshawar, un’altra città storica da non perdere; infine Karachi, metropoli da 15 milioni di abitanti che offre una varietà immensa di risorse e attrazioni. Per chi ama la natura, l’Himalaya è il richiamo principale insieme alla valle di Kaghan e al Parco Nazionale di Khunjerab.

Quando andare in Pakistan

Il Pakistan soffre delle tempeste monsoniche tra estate e autunno. Quindi il periodo migliore per visitarlo è l’inverno (ma evitate le montagne!) oppure la primavera. Il passaggio tra queste due stagioni è l’ideale per visitare le città d’arte.

Come arrivare e come muoversi

In Pakistan si arriva preferibilmente in aereo, atterrando a Islamabad, Lahore o Karachi. Dopo di che ci si sposta possibilmente in autobus, sebbene le linee di trasporti siano scadenti. I treni sono sovraffollati e a continuo rischio incidenti. Attenti anche alle condizioni politiche del Paese che non sempre garantiscono sicurezza per i turisti.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *