Odessa, la Napoli ucraina

  • Shares

Odessa è una bella città dell’Ucraina, la quarta per grandezza. Ma è una città con una forte anima italiana, anzi addirittura napoletana! Il commercio marittimo di questo porto del Mar Nero aveva già collegato Odessa a Genova tra il XIII e il XVII secolo, ma soltanto nel 1794 si aprì la via per un “gemellaggio” con Napoli. Allora era alla guida della città un nobile spagnolo nato a Napoli che favorì i contatti tra le due città. I primi mercanti partenopei si trasferirono qui immediatamente nei due anni successivi.

Nel XIX secolo, a Odessa erano presenti e attivi più di mille italiani tra marinai, commercianti ma anche artisti e letterati. Non deve stupire quindi se la canzone napoletana più famosa del mondo, “O’ Sole Mio” fu scritta dal giornalista Giovanni Capurro proprio a Odessa (1898), né se la lingua napoletana è stata presente per anni nella parlata locale. Oggi tornare qui significa riscoprire una città che ha affascinato i nostri bisnonni e che ancora oggi può conquistare noi. In che modo? Scopriamolo insieme.

Dove mangiare a Odessa

In tutta l’Ucraina si mangia bene, e molto ricco e saporito. Anche Odessa offre piatti prelibati e fantasiosi, a partire dalle zuppe vegetali di barbabietola arricchite con panna, le super insalate di piselli, cipolle, fagioli e barbabietole, i tortelli farciti di carne, le Pirog (pastelle fritte condite con dolce o salato)  e la ottima birra.

Se cercate ristoranti interessanti a Odessa non avrete che da scegliere. Tutta Europa è rappresentata a livello culinario, e naturalmente fioriscono i ristoranti italiani, ma se preferite la cucina locale vi segnaliamo Kompot e il Dacha. Per chi invece vuole spendere di più e assicurarsi piatti raffinati, con un tocco di francese e di alta cucina, provate da Sophie o al Budapest.

Dove fare shopping

Odessa è la regina dei centri commerciali. Ce ne sono diversi, dentro e fuori il perimetro cittadino. Tra i più noti vi ricordiamo Kadorr, City Center e Novi Privoz. Ma se cercate invece le vetrine, il gusto di comprare passeggiando per una via elegante o vivace, rimanete in centro storico e fatevi tentare da via Deribasovskaya e dagli isolati compresi tra le vie Osypova, Polska e Troizka. Imperdibile la Galleria Coperta Pasazh!

Come spostarsi

Dentro Odessa ci si sposta con i mezzi urbani, autobus o taxi, ma in centro storico e sul lungomare è preferibile spostarsi a piedi. Camminare, anche per lunghe distanze, ammirando le opere eleganti di architetti italiani e austriaci che rendono Odessa tanto bella, cancella ogni fatica. Per i percorsi più lunghi potete usare invece il treno, dato che la stazione centrale – a sud della città – è ben collegata con ogni suo punto.

Escursioni nei dintorni

Odessa è una città che offre molto già di suo, non si sente quasi la necessità di andare a cercare altro nei dintorni. La costa del Mar Nero è tuttavia molto bella e conoscere altre località vicine può essere un’esperienza da ricordare. Iniziate proprio dai lidi cittadini e andate alla scoperta di altri angoli della costa sia a est che a ovest di Odessa.

Verso ovest potete anche sconfinare nella vicina Moldavia ed esplorare le spiagge di Zatoka e Maurokast. In alternativa prendete un traghetto e andate fino a Sebastopoli, oppure andate a visitare la città di Mykolaev con i palazzi del Governo Comunista e i fiumi protagonisti della famosa vicenda della Corazzata Potemkin, che riguarda da vicino anche Odessa.

Cosa vedere a Odessa

A proposito del noto film sovietico che tanto afflisse la vita del “Fantozzi” di Paolo Villaggio, molte scene vennero girate nel centro storico di Odessa. E la famosa scena della carrozzina che scivola giù per le scale fu girata sulla scalinata che porta lo stesso nome, Scalinata Potemkin. L’elemento particolare di questa scalinata è che dal basso sembra ripidissima mentre imboccandola vedrete che è più accessibile di quanto sembri.

Scalinate ad Odessa
Fonte Istock

Passeggiando lungo il grande viale Prymorskyi ammirerete molti monumenti come palazzo Vorontsovsk, il ponte “degli innamorati” Tioschin, la statua della imperatrice Caterina. Cercate la discesa Karantynny e percorretela ammirando gli splendidi murales classici dipinti sulle facciate, cercate anche il Monumento all’Arancia, che vi fa capire quanto il nostro frutto mediterraneo qui sia amato e desiderato!

Lo splendido teatro del Ballet fa concorrenza alla nobile Galleria Pasazh, un salotto al chiuso che unisce due strade e che ricorda molto quella di Napoli. Arrivate fino al lungomare e passeggiate fino al porto, che è da solo un monumento gigantesco, oppure rilassatevi sulle spiagge e nei localini che le completano.

Teatro di Odessa
Fonte Istock

Se preferite la cultura, invece, andate per musei e chiese: la cattedrale di Spaso, il Museo delle Arti, lo zoo col delfinario, il Museo di Odessa, il Museo Archeologico e le Catacombe. Esattamente come Napoli, anche Odessa ha tutto un mondo sotterraneo da scoprire. Prenotate una visita al Museo dei Segreti Sotterranei e andate alla scoperta di cunicoli, tunnel, grotte che si snodano sotto i palazzi eleganti del centro cittadino.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *