Incredibile! Il prezzo del volo dipende dal dispositivo da cui ti colleghi

  • Shares

Sembra incredibile, ma è così. Vi sarà successo di cercare al lavoro un volo per il vostro prossimo viaggio e di rimandare l’acquisto al divano del vostro salotto. Eravate incappati in un’offerta, ma una volta a casa i prezzi sono cambiati. Vi sarete detti che era un’offerta a tempo, che era per un numero di posti limitato e che avete perso “l’occasione”. Invece no.

Il prezzo del volo dipende dal dispositivo e dal luogo da cui vi collegate. Gli algoritmi dei siti di booking sono in grado di valutare se vi state collegando con uno smartphone nuovo fiammante dal centro della città o con un vecchio pc in campagna. In questo modo, due posti vicini sullo stesso aereo possono avere variazioni di prezzo molto significative. Nel caso di un volo per New York, da 300 a 900 euro.

Come riportato su Il Corriere della Sera, ufficialmente le compagnie negano l’utilizzo dei big data per l’elaborazione degli algoritmi di siti e app di prenotazione. Di fatto però è così: grazie alla moltitudine di dati raccolti, è possibile valutare quanto un utente può spendere per un volo. A fare la differenza non sono solo il tipo di dispositivo e il luogo, ma anche il sistema operativo e il giorno della settimana in cui si ricerca il volo: da lunedì a venerdì sarà probabilmente un viaggio di lavoro, il sabato e la domenica di piacere.

Insomma, il paragone che viene fatto da Rafi Mohammed, noto consulente di strategie sul prezzo, è quello del venditore d’auto: un bravo venditore è in grado di capire con uno sguardo, poche domande e due battute quanto il cliente è disposto a spendere. I big data fanno lo stesso.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *