Il Cairo, tra antico e moderno una città amata da turisti di tutto il mondo

  • Shares

Dieci milioni di abitanti, seconda città più popolosa dell’Africa, sorta dove il Nilo si rompe in rami. Stiamo parlando de Il Cairo, meta molto apprezzata dai turisti di tutti il mondo perché ospita i resti del passato.

Il Cairo: come visitare le Piramidi

Se vi fermate in città qualche giorno il mio consiglio è di cercare un hotel con vista sulle Piramidi. Con una piccola ricerca su internet sarà possibile trovare un bed and breakfast con terrazza e da lì ammirarle e fotografarle di prima mattina o al tramonto.

Non può mancare nemmeno una visita più approfondita, che potrete fare direttamente dall’hotel, magari con macchina e guida prenotata solo per voi. Questo vi darà modo di apprezzare al meglio le Piramidi, con le giuste spiegazioni di persone preparate. Le Piramidi distano dal centro del Cairo circa 8 km.

piramidi

La necropoli di Giza

Le Piramidi sono tre: quella di Cheope, alta 147 metri, quella di Chefren (alta 140 metri) e di Micerino (di 65 metri). Furono erette fra il 2690 e il 2600 a.C.

Per entrare nel complesso si paga un biglietto, da quel momento inizierete a percepire una forte energia, camminando tra costruzioni spettacolari, che fanno davvero restare senza parole. La visita può proseguire anche all’interno: ogni mese una delle Piramidi è aperta al pubblico, ma non dovete soffrire di claustrofobia e nemmeno di caldo, infatti ripidissimi cunicoli portano verso il basso, dove si trovava la tomba.

Non dimenticatevi di fare una foto anche da una zona un po’ sopraelevata, dove potete prendere tutte e tre le Piramidi assieme. Infine andate a vedere la Sfinge. La sua reale grandezza un po’ vi deluderà, ma comunque è uno spettacolo unico.

sfinge

Il Museo Egizio del Cairo

Mentre scriviamo si visita ancora il vecchio museo, quello nuovo dovrebbe essere concluso e quindi inaugurato nel 2018. Sono centinaia di migliaia i reperti che compongono questo museo, altrettanti si trovano nei magazzini, pronti ad essere esposti nei nuovi spazi. I reperti trovati nella tomba di Tutankamon e la sala delle mummie sono i pezzi di maggior pregio del Museo.

Per visitare bene il museo può non bastare una giornata intera, ma già potrete avere un’idea della bellezza dei reperti.

La Torre del Cairo

Proseguendo la visita della città si può visitare la Torre, un monumento molto famoso che si trova a Zamalek. Se salite fino in cima potrete mangiare nel ristorante che ruota di 360 gradi e che permette di godere di una vista completa sulla città.

Moschea di Alabastro

E’ situata sulla sommità della Cittadella del Cairo, ed è stata fatta costruire da Muhammad Ali Pasha, fra il 1830 ed il 1848, in memoria di Tusun Pasha, suo figlio maggiore. L’area di preghiera interna ha soffitti dipinti e il pavimento rivestito di tappeti rossi. Unico accorgimento per entrare è avere un abbigliamento adeguato al luogo, per le donne spalle coperte e levarsi le scarpe.

Il Quartiere Copto de Il Cairo

E’ la zona in cui vivevano i cristiani ortodossi quando gli arabi conquistarono l’Egitto. Qui si può passeggiare per i vicoletti e visitare la Chiesa della Vergine Maria e il Convento di San Giorgio.

il Cairo

La Piramide Romboidale e la Piramide Rossa

Queste piramidi si trovano a Dashur, a circa 40 chilometri da Giza. Sono state costruite da Snefru, padre di Cheope, quella Romboidale non ha la classica forma a piramide, ma i lati presentano una doppia inclinazione dovuta al cambio di progetto in corso d’opera. A Dashur potrete visitare anche la Piramide Rossa, un tempo rivestita di calcare bianco poi rimosso e reimpiegato per la costruzione de Il Cairo. Togliendo il calcare è stata portata alla luce l’arenite rossa sottostante. Queste due piramidi sono aperte al pubblico, anche se meno visitate rispetto a quelle di Giza.

La Piramide di Saqqara

Sempre vicino al Cairo la Piramide a gradoni di Zoser è la più conosciuta, infatti la sua struttura è un esempio di innovazione architettonica: fu la prima con più mastabe sovrapposte una all’altra per formare i gradoni.

Il Cairo: quando andare

E’ meglio visitare il paese quando non è estate, quindi da settembre a maggio, quando il clima è tiepido. L’estate, invece, è molto calda, con temperature tra i 35 e i 38 gradi ma con poca umidità.

Come spostarsi al Cairo

Il Cairo ha una metropolitana efficiente, ma il consiglio è di spostarsi con minibus privati con autista che potete affittare direttamente dall’albergo. I taxi costano molto poco e sono numerosi, sono invece poco convenienti nelle lunghe tratte.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *