Fagagna: guida al suggestivo borgo friulano dei castelli

  • Shares

Fagagna è un antico borgo friulano, in provincia di Udine, che affonda le sue origini in epoca romana. Da qui infatti passava la strada che collegava Iulia Concordia alla Mansio ad Silanos. Il centro, che è entrato a far parte del club dei Borghi più belli d’Italia, sorge su un colle a nord ovest di Udine, in una posizione in cui si aprono bellissimi scorci sul territorio circostante. Simbolo del centro è il Castello di Fagagna, oggi poco più di un rudere, ma testimonianza di una storia antichissima e ricca di fascino.

Cosa mangiare

Grande protagonista della cucina di Fagagna è la carne di maiale. Tra i piatti tradizionali del borgo ci sono brovada e muset, ovvero rape bianche e cotechino, e verza e salsicce. Da assaggiare anche i piatti a base di polenta, pestat (lardo con verdure e aromi) e il formaggio di Fagagna. Quest’ultimo è prodotto nella latteria sociale di Fagagna che nel 1885 è stata tra le prime strutture cooperative del Friuli. Tra le specialità del borgo ci sono anche i piatti a base di oca e i vini, uno su tutti il raro Picolit la cui produzione ha avuto inizio proprio qui nel 1761 ad opera del conte Asquini.

Cosa vedere a Fagagna

Il Castello di Fagagna, già esistente nel X secolo, sorge su un sito che risulta abitato fin dall’epoca romana. Oggi della fortezza non restano che pochi ruderi tra cui lacerti delle cinte murarie, la porta di Borgo, la torre castellana con l’orologio, le rovine della torre maestra e la chiesetta di San Michele Arcangelo. considerata l’antico oratorio dei castellani ed esistente già dal 1386. Altro simbolo del borgo è il Castello di Villalta. Il maniero, sorto sui resti di un fortino romano, viene citato per la prima volta nel 1158. Durante la rivolta contadina del 1511, passata alla storia come Crudele giovedì grasso, il Castello venne assaltato ed in parte distrutto. Pochi giorni dopo un violento terremoto distrusse il poco che si era salvato.

Tra gli edifici religiosi che impreziosiscono il borgo friulano meritano una visita la Chiesa di San Leonardo, con i pregevoli affreschi che narrano la vita del Santo, e la Pieve di Santa Maria Assunta, risalente probabilmente al X secolo. Impossibile non concludere la visita a Fagagna senza aver fatto un salto al Museo della Vita contadina di Cjase Cocél ospitato in un antico e grande casolare tutto in sasso. Qui si potranno scoprire i riti della vita contadina friulana all’inizio del Novecento e più antiche tradizionali artigianali locali, come quella del merletto. Ai viaggiatori amanti della natura ricordiamo infine che a Fagagna si trova l’Oasi dei Quadris, creata nel 1989 per la reintroduzione della cicogna bianca.

Eventi e manifestazioni da non perdere

Sono tantissimi gli eventi che animano il borgo di Fagagna durante tutto l’anno. A gennaio appuntamento con la Festa del norcino mentre durante la settimana di Pasqua è molto sentita la Via Crucis. A maggio si tengono la Sagra delle lumache e Latterie senza confini, mostra-mercato dei prodotti caseari del Friuli Venezia Giulia. Tra le manifestazioni più famose c’è senza dubbio la Corsa degli asini, la prima domenica di settembre.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *