Cervo: cosa vedere nel borgo ligure dal cuore barocco

  • Shares

È uno dei borghi più caratteristici della Liguria, stiamo parlando di Cervo un delizioso centro dal cuore barocco in provincia di Imperia. Il borgo vi conquisterà con il suo fascino e con l’atmosfera quasi magica che si respira tra i suoi carruggi, fatti di ciottoli da mare sui quali si affacciano antiche case liguri, botteghe artigiane e atelier artistici. Cervo ha conservato la sua anima medievale e ancora oggi è protetto da torri e mura cinquecentesche che preservano i suoi preziosi tesori artistici ed architettonici. Nel corso dei secoli il suggestivo centro ha subito varie dominazioni che ne hanno segnato la storia e scolpito l’identità.

Come arrivare a Cervo

Per arrivare in auto a Cervo occorre percorrere l’autostrada A10 ed uscire allo svincolo di San Bartolomeo al Mare e proseguire sulla SS n.1 Aurelia in direzione Genova per circa 2km. Chi sceglie il treno dovrà invece servirsi della linea ferroviaria Genova-Ventimiglia, scendere alla stazione di Diano e raggiungere il borgo in autobus o taxi. Infine si può arrivare a Cervo via mare. In barca si può attraccare ai porticcioli turistici di San Bartolomeo al Mare, Diano Marina, Andora e Imperia.

Cosa Mangiare

I paesaggi che circondano Cervo ne hanno influenzato le tradizioni gastronomiche. Tra i prodotti di eccellenza del territorio c’è l’olio extravergine di oliva e il Vermentino, entrambi prodotti con i frutti degli ulivi e dei vigneti nei dintorni del borgo. Il centro storico offre l’imbarazzo della scelta di locali e ristoranti che propongono menù a base di pesce, come il Ristorante stellato San Giorgio o il Ristorante Bellavista con ottimo rapporto qualità/prezzo.

Cosa vedere a Cervo

Castello

Simbolo di Cervo è il Castello dei Clavesana, edificato dagli omonimi marchesi nel XIII secolo. L’edificio, completamente in pietra, è caratterizzato da pianta rettangolare e quattro torri. Il Castello nacque come Chiesa fortificata dedicata a Santa Caterina d’Alessandria. Solo in un secondo momento, i marchesi signori del territorio ne fecero la loro residenza inglobando nella costruzione un’antecedente torre in stile romanico. Oggi il Castello è, tra le altre cose, anche sede del Museo del Ponente Ligure con materiali, manichini e costumi d’epoca che raccontano la vita quotidiana nell’Ottocento.

Chiese

Tra gli edifici religiosi di Cervo spicca l’imponente Chiesa di San Giovanni Battista conosciuta anche come ‘Chiesa dei Corallini‘ in quanto fu eretta anche grazie ai proventi della vendita della pesca del corallo. Ugualmente famosa è la Chiesa di San Nicola da Tolentino, che si dice fu eretta sulle rovine di un antico tempio pagano. Infine merita una visita l’ex oratorio di Santa Caterina che custodisce al suo interno alcuni cicli di affreschi del Cinquecento, tra i quali uno raffigurante San Giorgio che uccide il drago.

Palazzi

Il centro storico di Cervo è disseminato da splendide architetture civili come il Palazzo Morchio o il Palazzo del Duca. Il primo, risalente al XVII secolo e oggi sede del municipio, fu fatto erigere per ordine del senatore della Repubblica di Genova Falcone Morchio. Il Palazzo del Duca fu costruito invece nel XIX secolo e presenta sotto l’ampio porticato un lastricato costituito da piccoli ciottoli in pietra marina. Da non perdere anche Palazzo Viale-Citati, conosciuto anche come Palazzo del Vento, che fu costruito nel XVIII secolo e fu residenza di una delle famiglie più importanti di Cervo.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *