Castellaro Lagusello, borgo senza tempo: cosa vedere e mangiare

  • Shares

A volte la realtà supera i sogni, come nel caso di Castellaro Lagusello, la piccola frazione di Monzambano che sembra un dipinto favolistico più che un paese reale. Il borgo mantovano, che conta circa 300 abitanti, trasuda di fascino e bellezza, poggiandosi su una piccola collina che trova riposo su un lago a forma di cuore (ecco perché il posto è anche noto con il nome Borgo degli innamorati). Naturalmente, vista la sua unicità non poteva che far parte della prestigiosa lista de I borghi più belli d’Italia. Inoltre, dal 2011, la località Fondo Tacoli di Castellaro Lagusello, essendo uno dei 111 siti archeologici palafitticoli localizzati sulle Alpi e nelle aree contigue, ha trovato ‘rifugio’ nei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

Castellaro Lagusello, cosa vedere: la Torre dell’Orologio, la Chiesa di San Nicola, la Chiesa di San Giuseppe e Villa Arrighi

Da lontano il borgo vi sembrerà una cartolina, ma da vicino è ancor più bello. Perdetevi nei suoi vicoli ed esplorate le sue meraviglie. Vi colpirà l’impatto della Torre dell’Orologio, l’incantevole Chiesa di San Nicola (dove c’è una preziosa Madonna in legno del 400) e Villa Arrighi. Quest’ultima si trova nella piazza di Castellaro ed era un tempo il castello della località. Risalente ai secoli XI-XII, fu voluta dagli Scaligeri. Nel tempo è poi stata abitata da altri potenti, fino al 1600, quando divenne proprietà dei conti Arrighi che le tolsero la ‘veste’ di fortezza, facendole indossare quella di residenza signorile. A oggi la struttura appartiene ai conti Tacoli ed è visitabile su richiesta. Però si possono sempre ammirare parte delle antiche mura e la torre che offre un panorama mozzafiato sul lago a forma di cuore. Ora, non vi resta che visitare la Chiesa di San Giuseppe, che si trova proprio nei pressi della villa. Datata al 1700 circa, ospita dipinti interessanti e preziosi.

Castellaro Lagusello: cosa e dove mangiare

Un borgo incantevole non è tale se non è supportato da una squisita cucina. Niente paura, Castellaro Lagusello è provvisto anche di specialità da leccarsi i baffi. Provate il salame mantovano e alcuni piatti tipici a base di zucca, cipolla, tartufo e pesci d’acqua dolce. Il re del menu di questa zona è, però, la portata dei capunsei, sorta di gnocchetti il cui impasto, fatto di pangrattato, grana e brodo bollente, un tempo veniva messo nel cappone, da cui il nome. Passando al vino, affidatevi a un Tocai (bianco) oppure a un Merlot (chiaretto e rosso), vini doc dell’area di Mozambano. Un consiglio su dove placare le vostre acquoline? Ristorante La Dispensa, posto suggestivo che prepara pietanze prelibate. Buon appetito!

Castellaro Lagusello: la Festa dei Fiori a Primavera

Nel borgo, durante l’anno, vengono organizzati molti eventi e svariate iniziative degne di interesse. Quella assolutamente da non lasciarsi sfuggire è la Festa dei Fiori che sorge sul finire di aprile. In questo periodo Castellaro si riempie di tinte, colori e profumi floreali, che fungono da suggestiva cornice ai laboratori, ai giochi, alle mostre e alle visite guidate organizzate per l’occorrenza; tutte attività che rendono questa manifestazione un qualcosa di unico e irrinunciabile.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *