Ankara: 10 cose da fare e da vedere

  • Shares

Capitale della Turchia, Ankara è una città tutta da scoprire, in grado di affascinare i visitatori con il suo spirito cosmopolita e quell’atmosfera i bilico fra Oriente e Occidente. Il suo nome deriva da Anchira, che in turco significa àncora. Secondo la leggenda Re Mida, mentre era alla ricerca della mitica Arca di Noè, trovò in questa zona un’ancora e, credendo che appartenesse all’imbarcazione, fondò sul colle una città, proprio come gli aveva chiesto Dio. Nel corso dei secoli il sito divenne uno dei maggiori centri d’arte e di commercio e, nel 1923, Ankara fu proclamata capitale della Turchia. Oggi è una città moderna e vivace, molto europea, con circa 4 milioni di abitanti. Ecco dunque dieci cose da fare e vedere ad Ankara!

Passeggiare per le strade della Cittadella

Ogni viaggio ad Ankara inizia dalla Cittadella, l’area che domina la vecchia città, situata nella zona in basso. Il piccolo quartiere è composto da edifici in stile ottomano, in legno e dipinti di blu ed è circondato da mura di cinta realizzate con pietre provenienti dall’antica città. Da qui si può godere di uno splendido panorama e respirare l’atmosfera vivace di Ankara.

Viaggiare indietro nel tempo

Il Museo delle Civiltà Anatoliche è uno fra i musei archeologici più importanti al mondo, situato presso la porta della Cittadella in alcuni edifici antichi che risalgono al XV secolo. Fra i suoi corridoi sono custodite collezioni di opere del Neolitico, del Paleolitico, dell’Enoelitico e dell’Età del Bronzo Antica. Ammirando i reperti esposti potrete ripercorrere millenni di storia in un solo luogo, realizzando un tuffo nel passato che vi sorprenderà.

Rendere omaggio alla storia turca all’Anıtkabir

Anıtkabir significa letteralmente “tomba commemorativa”. Si tratta di un mausoleo creato per Mustafa Kemal Atatürk, primo Presidente della Repubblica di Turchia e leader della Guerra di Indipendenza Turca. Al suo interno è custodito il corpo di Ismet Inonu, secondo presidente della Turchia, sepolto in questo luogo dopo la morte nel 1973.

All’interno di Anıtkabir si trovano dieci torri simmetriche a rappresentare gli ideali che hanno guidato la creazione della Repubblica di Turchia. Le torri hanno una forma rettangolare, tetti piramidali e punte di freccia, proprio come si usava nelle tradizionali tende nomadi. Impossibile non sentirsi turchi visitando questo mausoleo, che racchiude la storia e lo spirito del paese.

Indossare il velo ed entrate nella moschea Kocatepe

Ad Ankara si trova la Kocatepe Camii, ossia la Moschea Kocatepe. Realizzata nel 1987 è una delle moschee più grandi al mondo, in grado di accogliere oltre 15mila fedeli. L’edificio assomiglia molto alla Moschea Blu di Istanbul ed ha uno stile ottomano con quattro minareti. L’interno è un trionfo di marmo, piastrelle geometriche e vetro colorato alle finestre. Indossate il velo o il caffettano, rispettando le usanze del luogo, poi entrate nella moschea scoprendo un mondo molto lontano dal nostro.

ankara moschea

Rilassarsi nei parchi

Il primo presidente della Turchia, Ataturk, credeva molto nella forza della natura, per questo Ankara è particolarmente ricca di spazi verdi. Fra i parchi da visitare c’è Genclik Parki, dove si trova anche un Luna Park, quello di Kurtulus, in cui pattinare sul ghiaccio, Altin, con il suo centro fieristico ed il Giardino Botanico.

Salire sulla Torre Atakule

Atakule è la più alta torre di Ankara, simbolo della modernità della città. Costruita su una collina, con i suoi 125 metri di altezza domina la metropoli e offre una vista stupenda. Sulla sommità si trovano diversi locali, il più famoso è il ristorante rotante che consente di ammirare Ankara a 360 gradi. Una cena in questa attrazione unica è d’obbligo se si vuole conoscere la metropoli turca da un altro punto di vista.

Scoprire Roma ad Ankara

Sul viale di Cankiri, nell’antico quartiere di Ulus, si trovano le terme romane. Realizzate come i tipici bagni degli antichi romani, furono erette per volere dell’imperatore Caracalla in onore di Asclepio, dio della medicina. Oggi si possono ancora ammirare le varie sezioni che componevano le terme, come il frigidarium, in cui si trovava l’acqua fredda, il tepidarium e il caldarium. Visitare le rovine è un modo per scoprire un angolo di Roma (e d’Italia) in Turchia.

Esplorare i quartieri

Ankara è divisa in quartieri che raccontano la sua storia e sono uno diverso dall’altro. La zona più interessante è senza dubbio la Cittadella, il cuore della città, realizzato in stile ottomano, con locali, hotel, ristoranti e negozi. Ulus è invece il quartiere vecchio, con strade strette ed edifici antichi in stile romano e bizantino. La zona di epoca ottomana è invece chiamata Altindag ed è caratterizzata da stradine molto strette, infine il quartiere più ricco e moderno è quello di Kizilay, dove si trova il centro dello shopping.

Ballare a Tunali

La vita notturna di Ankara si concentra a Tunali, dove si trovano tutti i locali più alla moda della città e le discoteche con dj set internazionali. Il sabato e la domenica il quartiere prende vita e ospita spettacoli, eventi e tantissimi giovani pronti a divertirsi al ritmo della musica elettronica e dal vivo.

Assaporare la cucina turca

La cucina turca è un’esplosione di gusto con sapori tanto distanti dai nostri quanto unici. Se visitate Ankara il consiglio è quello di non precludervi nulla e assaporare ogni piatto. Da non perdere i börek, dei tortini salati ripieni di patate, formaggio o carne, ma anche i tortellini turchi e l’Adana kebabi.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *